<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d1124496945150422163\x26blogName\x3dNella+citt%C3%A0+della+nebbia\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://lavalenellanebbia.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://lavalenellanebbia.blogspot.com/\x26vt\x3d6365986126909476262', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Nella città della nebbia

 

Tecniche di seduzione

Polidori ha riso; ha detto "Però ogni tanto si possono fare dei piccoli esercizi di provvisorietà, senza arrivare come i buddisti alla contemplazione dei cadaveri in disfacimento. Se ne possono fare di infiniti. Prendi un piccolo tratto di prato, prova a tenerlo perfetto. O prendi un piccolo acquario con pesci e alghe. O la pulizia di una stanza, i rapporti in una famiglia, la temperatura dei tuoi sentimenti. Prova a considerare gli sforzi continui che qualunque equilibrio anche minimo richiede, e con quanta facilità viene sopraffatto dal tempo appena i tuoi sforzi o la tua attenzione si allentano, cancellato come se non ci fosse mai stato. Ti accanisci a tagliare l'erba con tutta la cura di cui sei capace, e la rastrelli e la annaffi e la concimi e la rulli ogni giorno, poi basta che tu smetta di occupartene per due settimane, e l'immagine mentale che avevi del tuo prato non corrisponde più a niente".
"Però l'erba continua a esserci, no?" ''gli ho detto io. "Prende solo un'altra forma. Anche se diventa troppo alta o si dirada o si secca è sempre un prato".
"Ma l'unica cosa tua nel prato era proprio la forma", ha detto Polidori. "Ed è quella che se n'è andata. Il fatto che l'erba continui a esserci è irrilevante. E' al di fuori di te".

Il suo modo di vedere le cose dal di fuori adesso mi esasperava; mi sono alzato, gli ho detto "Parli sempre come se ci fossero delle regole a cui non ci si può sottrarre".

"Ma ci sono", ha detto lui. "Vorremmo tutti che non ci fossero, ma ci sono. E anche se siamo degli animali piuttosto complessi basta un minimo di osservazione per capire come funzioniamo. Una passione si alimenta di quello che non sai di un'altra persona, molto più che di quello che sai. Se non la conosci e hai qualche buon elemento di partenza ti puoi immaginare qualsiasi cosa. Sovrapponi le tue fantasie alle zone d'ombra, e se ci sono tante zone d'ombra hai ancora più spazio, puoi farci stare dei sogni interi. Ma il guaio di una passione è che produce molta luce concentrata, è solo questione di tempo prima che rischiari ogni piccolo angolo. E di solito non ci trovi più molto, quando l'ombra si è dissolta".

- da Tecniche di seduzione di Andrea De Carlo -

Etichette:

scritto dalla vale*
quando? martedì 18 marzo 2008
alle 13:49
Commenti :
 

for this post

 
Blogger Alessandro Susin Ha scritto:

mi fa piacere sapere che leggi De Carlo, adoro i personaggi dei suoi romanzi e le affinità di carattere tra me e loro :-)

 
 
Blogger vale* Ha scritto:

E' il primo che leggo, mi è stato regalato.
Dico solo...a noi andrà sicuramente meglio che a Roberto Bata!..vero?;P

 
 
Blogger Alessandro Susin Ha scritto:

oddio, non lo so, questo non l'ho ancora letto! Intuisco che a questo Bata è andata piuttosto male e quindi sì, sperò che a noi andrà meglio ;-)

 
 
Blogger caterina Ha scritto:

io di de carlo ho letto due di due, non male.

 

Leave a Reply